Domenica, 02 Maggio 2021 12:50

Bonifica e disinnesco di un ordigno bellico a Segrate: CRI Milano presente per assistenza sanitaria e logistica

Evacuazione di una persona a mobilità ridotta Evacuazione di una persona a mobilità ridotta
Domenica 2 maggio nel Comune di Segrate si è svolta la bonifica di un ordigno bellico dell’ultimo conflitto mondiale, rinvenuto il 16 marzo nell’area del terminal merci presso lo scalo ferroviario di via Rivoltana 40. Trattandosi di una bomba d’aereo inesplosa di 226 Kg, per garantire che tutte le operazioni si svolgessero in sicurezza, è stata disposta l’evacuazione dei 431 abitanti della zona intorno al ritrovamento, per un raggio di 447 m. In particolare, dalle 7:00 alle 9:00, orario di inizio delle operazioni di disinnesco, le persone evacuate sono state ospitate nei punti di accoglienza predisposti dal Comune di Segrate in collaborazione con gli enti e le associazioni del territorio.

Per le operazioni di bonifica è stato infatti attivato un Dispositivo di intervento che ha coinvolto numerosi attori ed enti locali, al fine di garantire che lo svolgimento delle operazioni in totale sicurezza e con disservizi il più possibile limitati.

La CRI Milano ha garantito l’assistenza sanitaria e logistica nei punti di accoglienza degli evacuati situati presso l’Istituto Scolastico ICS Rosanna Galbusera, il Novotel di via Mecenate 121, e il Best Western Air Hotel di via Baracca 2. Un ulteriore punto di accoglienza è stato allestito presso la Porta Maggiore dell’Idroscalo, dove era presente anche un ambulatorio mobile CRI con medici e infermieri del Corpo Militare volontario e del Corpo delle Infermiere Volontarie, per la valutazione di eventuali persone sintomatiche e l'esecuzione di tamponi rapidi. 
 
Il personale del Corpo Militare Volontario della Croce Rossa ha poi provveduto al servizio sanitario per gli artificieri del 10° Reggimento Genio Guastatori impegnati nelle operazioni di disinnesco, trasporto e brillamento dell’ordigno.
 
La Croce Rossa di Milano ha collaborato con AREU 118 e ATS Città metropolitana di Milano per la corretta applicazione delle procedure sanitarie e per l’evacuazione delle persone malate, a mobilità ridotta, o in quarantena. Tutti gli interventi sono avvenuti sotto supervisione della Sala Operativa Regionale CRI e con la presenza nella fase operativa del Delegato Provinciale per le attività di Emergenza all'interno del Centro Coordinamento dei Soccorsi, oltre a due coordinatori della CRI Milano presenti al Centro Operativo Comunale e sul campo.  
 
In totale sono stati impiegati 54 operatori della Croce Rossa e 16 mezzi di soccorso e logistici.

Al termine delle operazioni, e con l'ordigno collocato nell'area sicura per le operazioni di brillamento, le persone sono potute rientrare presso le proprie abitazioni.
 
 

 

Guarda la foto dell'evacuazione

evacuazione segrate