Mercoledì, 18 Aprile 2018 16:53

Concluso positivamente il progetto Care for Community

Si conclude positivamente il progetto Care for Community, nato nel 2017 con il supporto di Philips Foundation e la collaborazione del Comune di Milano e della Croce Rossa milanese con l’intento di promuovere il senso di responsabilità sociale, insistere sulla cultura della prevenzione e proteggere la salute di chi si trova in difficoltà. In particolare, il progetto si poneva l’obiettivo di eseguire check-up cardiologici gratuiti a persone segnalate dalla rete del Comune, dal portale di servizi WeMi e dalla Croce Rossa.

In totale oltre 500 cittadini hanno potuto effettuare gratuitamente un check-up cardiologico comprensivo di elettrocardiogramma, misurazione della pressione arteriosa e della saturazione di ossigeno nel sangue grazie ai dispositivi per la salute - defibrillatori e apparecchi per il monitoraggio del tracciato cardiaco - messi a disposizione da Philips e successivamente lasciati in dotazione all’ambulatorio CRI in via Marcello Pucci 7. Attraverso gli screening è stato possibile rilevare casi di persone a rischio di patologie cardiovascolari che sono state indirizzate verso il corretto iter di cura.

Inoltre Philips ha provveduto all’ammodernamento dell’ambulatorio milanese della Croce Rossa che, come afferma Francesco Della Rosa, Direttore Sanitario della Croce di Milano, “è da oltre trent’anni un punto di riferimento per le prestazioni erogate ai cittadini, comprese le fasce di maggiore vulnerabilità per ragioni economiche o di emarginazione”.

Ha espresso soddisfazione per i risultati ottenuti l’assessore alle Politiche Sociali, Salute e Diritti, Pierfrancesco Majorino, secondo cui “grazie a Philips Foundation, al Comitato di Milano di Croce Rossa Italiana e a Energie Sociali Jesurum Lab, centinaia di persone in difficoltà hanno potuto usufruire di un check up cardiologico gratuito in un ambulatorio, quello di via Pucci, completamente rinnovato”.

La collaborazione tra Philips Foundation, la Croce Rossa di Milano e il Comune di Milano proseguirà con nuovi progetti pensati appositamente per la città, sempre nell’ottica della promozione della salute.